Voglio un’auto come Steve McQueen

E’ proprio il caso di dirlo: vuole una vita spericolata il milionario che ha deciso di acquistare l’ultima automobile di Steve McQueen per un valore dieci volte superiore a quello di mercato. E non parliamo di spiccioletti: la Porsche 930 in questione è stata valutata per 150mila dollari, mentre all’asta che si è svolta in questi giorni in California il prezzo di vendita è stato di 1,75milioni, come riporta il sito del Corriere della Sera.

Si tratta di un modello ordinato dal turbolento attore nel 1976, quattro anni prima della sua morte: le case automobilistiche ricevevano spesso le sue richieste di modelli personalizzati, ma questo è davvero speciale, non solo perchè è stato l’ultimo della sua vita, ma anche perchè ha delle caratteristiche notevoli e uniche.

A partire dal colore, appositamente studiato da Porsche, lo Slate Grey. Per i più appassionati ecco qualche altro dettaglio tecnico: motore 3.0 litri turbo flat-six, cambio manuale a quattro rapporti, interni neri, cerchi in lega e 234 cavalli.

E se non basta ecco il tocco che solo Steve McQueen poteva dare a questo veicolo: un pulsante nascosto che l’attore utilizzava durante le gare di velocità che correva a Los Angeles e che serviva a spegnere le luci posteriori nel caso arrivasse la polizia. Altra nota curiosa per gli amanti della vita spericolata del mito degli anni ‘60: fu proprio su questa auto che il figlio dell’attore imparò a guidare da solo e di nascosto dal padre, via per lavoro e poi segretamente consapevole dell’abitudine del quindicenne di rubare il suo bolide. L’auto è appartenuta, per la cronaca, anche al figlio di Dean Martin e parte del ricavato dell’asta è stato devoluto alla casa di accoglienza “The Boys Repubblic”, la stessa che ospitò proprio Steve McQueen negli anni ‘40 per salvarlo da una giovinezza tutt’altro che facile.

Posted under automobili, curiosità

Questo post è stato scritto da admin in data Agosto 20, 2015

Tags: , , ,

Volkswagen ottiene la quota di maggioranza della Porsche

Volkswagen sborsa quattro milioni e mezzo di euro e diviene così socio di maggioranza, acquisendo il 50,1 per cento delle quote azionarie, di Porsche; da tempo la notizia circolava nell’aria ed ora è stata confermata e si realizzerà e completerà entro la dine di questo mese, è dal 2005 che prosegue questa storia fatta di tentativi di scalata o di propositi di fusione tra le due case automobilitiche che non si sono mai realizzati concretamente; addirittura proprio sette anni anni orsono i ruoli erano ribaltati e Porsche tentò la scalata della casa automobilistica di Wolfsburg non riuscendo a concluderla per l’opposizione del presidente del Consiglio di controllo Ferdinand Piech.

Stando alle voci che circolano in questo momento dalla fusione potrebbero derivare circa trecento venti milioni di euro di sinergie economiche; il capo della Volkswagen è sicuro che questa situazione porterà elementi positivi sia per le due case automobilistiche che anche per il Paese poiché si raffozzeranno le condizioni sia sul piano finanziario che su quello stategico, ovvero la possibilità di collaborare in termini di modelli ed architetture poiché Porsche viene ritenuto il costruttore più redditizio a livello globale. Quindi spetterà a Porsche lo sviluppo di piattaforme modulari per la creazione di automobili di lusso che verranno condivise anche da altri marchi, continuazione ideale di quanto già accade ora col fatto che i motori montati nella Cayenne sono all’origine prodotti dall’Audi. Si pensa anche che si userà la rete commerciale della Porsche per vendere anche gli altri marchi di lusso facenti parte del gruppo, ad esempio Lamborghini e Bentley.

Posted under automobili, aziende, economia

Questo post è stato scritto da admin in data Luglio 6, 2012

Tags: , , , , , , , ,

otc allergy medicine cialis nabp pharmacy tadalista 20