L’auto dei sogni degli italiani

Nel mondo dei sogni tutto è possibile, anche guidare auto che non sono mai esistite e che sono frutto della fantasia di produttori cinematografici, scrittori e fumettisti. Il portale di assicurazioni RC auto Facile.it ha chiesto a più di 100mila automobilisti qual è l’auto che vorrebbero guidare almeno una volta nella loro vita (immaginaria e non). La risposta più comune è stata la Delorean, la mitica auto icona della saga Ritorno al futuro, mezzo di trasporto che viaggiava nel tempo e che ora è nei sogni del 15,7% degli intervistati. A seguire è un’altra stella del cinema, inseparabile compagna di inseguimenti degli James Bond che si sono susseguiti nel ruolo di 007: la mitica Aston Martin oggi farebbe gola al 13,9% degli utenti interpellati. Sul podio arriva un’auto dei fumetti, la Jaguar del ladro più affascinante di tutti i tempi, Diabolik, invidiato dall’11,2% del campione.

Senza dubbio sono gli anni ’80 che hanno lasciato il segno anche nell’immaginario automobilistico degli italiani: nella classifica si trovano, infatti, anche KITT, l’auto di Supercar, e la Ferrari 308 di Magnum P.I., rispettivamente indicate come sogno a quattro ruote dal 9,4% e dal 9% degli internauti. Non potevano mancare le mitiche auto disneyane che pare non affascinino solo i più piccoli: il 5,8% del campione vorrebbe trovarsi al volante, almeno una volta nella vita, della coloratissima 313 di Paperino e il 5,4% sogna di guidare il maggiolino Herbie.

Fa sorridere, infine, come siano più gli italiani che sognano di guidare la Papamobile di quelli che, invece, vorrebbero stare al posto dell’uomo pipistrello alla guida della velocissima Batmobile (3,6% contro 2,7%).

Posted under curiosità

Questo post è stato scritto da admin in data Agosto 6, 2015

Tags: , , , ,

Car Sharing: multe e incidenti da gestire

Quella delle auto condivise in Italia sta diventando una pratica sempre più diffusa, almeno nelle grandi città. Ma il ricorso al car sharing è considerato una vera e propria svolta della nostra società, al punto che l’Istat ha deciso di inserire questa voce nel paniere dei consumi che serve all’istituto a calcolare il livello dell’inflazione in Italia. Benché sia così diffuso, sono molti i dubbi che possono insorgere a chi vi fa ricorso, così il comparatore di tariffe RC auto Facile.it ha deciso di fare luce su alcuni imprevisti che possono occorrere quando si è al volante di un’auto condivisa, puntando l’attenzione su multe e incidenti.

In primis c’è il fantasma di un tamponamento: sia che lo si causi che lo si subisca, il conducente deve subito chiamare il servizio di call center che tutte le compagnie di car sharing mettono a disposizione. L’iter rimane uguale a quello di un tamponamento “tradizionale”: la differenza maggiore sta nel fatto che, qualora si sia colpevole del sinistro, non si peggiorerà la propria classe di merito, anche se la compagnia assicuratrice si rivarrà sul portafoglio di chi stava guidando.

Altro brutto imprevisto è quello del furto dell’auto condivisa: anche in questo caso bisogna chiamare gli operatori e aspettare l’intervento sul posto con un dipendente della società a cui si dovranno consegnare le chiavi, pena il risarcimento del valore della vettura.

Nel caso si subiscano atti vandalici, poi, la polizza kasko tutela chi sta usando la macchina, ma anche in questo caso va chiamato il call center, anche per poter prendere un nuovo veicolo parcheggiato nelle vicinanze.

Per la multa, qualora si commettano infrazioni che prevedono la decurtazione di punti dalla patente, valgono le stesse regole di quando si guida la propria auto: unica differenza i costi di gestione che saranno richiesti dalla società di car sharing che provvede a spedire la multa a chi deve pagarla.

Posted under automobili, curiosità, incidenti

Questo post è stato scritto da admin in data Febbraio 24, 2015

Tags: , , ,

otc allergy medicine cialis nabp pharmacy tadalista 20