Ddl Concorrenza e polizze auto

Come molti settori anche quello dell’RC auto verrà toccato in maniera piuttosto significativa al ddl Concorrenza. Ancor prima della sua entrata in vigore gli emendamenti sono stati diversi e hanno cambiato in corsa le conseguenze che la nuova legge avrà sulle polizze auto. Vediamo a oggi come stanno le cose e quali saranno le novità nel momento in cui non venga più ritoccato il testo.

Prima di tutto si introduce il provvedimento per cui le compagnie sono obbligate (pena sanzioni fino a 40.000 euro) ad applicare degli sconti agli assicurati che accettano di far installare sulla loro auto una scatola nera. Inizialmente il testo del decreto parlava di uno “sconto significativo”, lasciando l’interpretazione aperta in maniera, forse eccessiva. Ora si è stabilito che sarà l’Ivass a decidere la soglia minima di sconto, sotto la quale le assicurazioni non possono scendere al momento di quantificare lo sconto. Ci sarà, quindi, una percentuale rispetto alla tradizionale polizza che non potrà essere superata in negativo. Inoltre, si garantiscono sconti più importanti e significativi per chi assicura i veicoli nelle regioni che pagano polizze più care, tendenzialmente quelle del Sud. Le agevolazioni, inoltre, sono estese a chi accetta un’ispezione preventiva dell’auto di cui si occuperà la compagnia e a chi farà installare il sistema di blocco motore che si attiva in caso di ubriachezza.

È stato esteso il tempo che ha a disposizione un assicurato coinvolto in un incidente per indicare i testimoni. Sempre in tema di sinistri, si legge nel testo del decreto che i risultati emersi dall’analisi della scatola nera devono essere messi a disposizione di tutte le parti coinvolte. Ultima novità riguarda i controlli delle polizze auto: a farlo non dovranno più essere necessariamente delle pattuglie, ma tutto potrà essere svolto dalle nuove tecnologie, come le telecamere delle ZTL a cui sarà esteso anche questo compito.

Posted under Novità, Tariffe, assicurazione

Questo post è stato scritto da admin in data Settembre 16, 2015

Tags: , , ,

Dematerializzazione: comincia il processo

Dopo tanto discuterne, cominciano ad arrivare le prime scadenze del processo di dematerializzazione previsto sia per il tagliando dell’assicurazione che per l’attestato di rischio. La prima data è già trascorsa: il 18 aprile, infatti, era il termine ultimo che le compagnie dovevano rispettare per il caricamento di tutti i dati dei loro clienti sul database della Motorizzazione Civile. Insieme alle anagrafiche andavano caricati anche tutti gli attestati di rischio.
Ed è proprio l’attestato di rischio che sarà il primo documento a “dematerializzarsi” per diventare elettronico. Dal 1 giugno infatti le compagnie dovranno inviare il nuovo documento telematico ai propri clienti, considerato che dopo 30 giorni, quindi dal 1 luglio, tutti i nuovi contratti per assicurare un’automobile dovranno essere corredati dall’adr elettronico. La banca dati che li conterrà tutti, e a cui le compagnie potranno accedere per tutti i nuovi contratti con clienti provenienti da altre assicurazioni, sarà gestita direttamente dall’Ivass. Quando si deciderà di migrare da un’assicurazione a un’altra, quindi, non sarà più onere del cliente quello di presentare il proprio attestato di rischio. Tutti potranno consultare online il proprio documento di riferimento e ne potranno chiedere l’invio per mail o addirittura via social o Whatsapp. Chi non è pratico delle nuove tecnologie potrà comunque chiedere una stampa del proprio adr che, però, avrà solo valore di promemoria. Agli assicurati non è richiesta alcuna azione per questo passaggio, saranno direttamente le compagnie a provvedere con le nuove informazioni e i nuovi adr.
Bisognerà attendere ancora ottobre, il giorno 18, perché perda la sua consistenza cartacea anche il tagliando Rc auto ancora esibito sui parabrezza. I controlli che si effettuano per verificare la regolarità della copertura assicurativa saranno infatti eseguiti direttamente dalle telecamere delle zone a traffico limitato e dagli autovelox. Questo tramite la lettura elettronica della targa e l’incrocio dei dati con il database comune. Dal processo di dematerializzazione ci si aspetta un calo delle contraffazioni e delle frodi e un conseguente abbassamento dei prezzi delle polizze.

Posted under Novità, Tariffe, assicurazione, automobili

Questo post è stato scritto da admin in data Maggio 20, 2015

Tags: , , ,

otc allergy medicine cialis nabp pharmacy tadalista 20