Arriva la scatola nera per le automobili

La meritocrazia non è di certo un punto forte del nostro Paese, men che meno se si parla del mondo assicurativo. Il Bonus Malus non è il modo migliore per stabilire correttamente quali sono gli automobilisti più virtuosi che meritano davvero un posto nelle classi più alte. A maggior ragione dopo la legge Bersani, per mezzo della quale si eredita la classe dei membri del proprio nucleo familiare. In Italia risultano quindi essere molto, troppo numerosi gli automobilisti che sono in prima classe.

I premi sono tendenzialmente molto alti anche a causa della presenza di poche compagnie assicurative sul mercato che gestiscono in maniera monopolizzante tutte le assicurazioni degli italiani. L’idea per ovviare a questo problema è molto semplice: sui grandi mezzi di trasporto, come aerei e navi, sono fondamentali le rilevazioni delle scatole nere per stabilire le dinamiche degli incidenti, allora perché non testarle anche sulle auto? E magari perché non stabilire la classe di merito in base ai loro dati, piuttosto che in base alla “diligenza” di un parente? Indiscrezioni dicono che l’apposito Decreto Legge sia pronto per essere approvato il prossimo mese di ottobre.

Le scatole nere in auto saranno in grado non solo di stabilire le colpe in caso di incidenti, ma anche di riportare i dati sul rispetto dei limiti di velocità, delle precedenze agli incroci e delle distanze di sicurezza. I premi sarebbero distribuiti così in maniera più equa e meritocratica (si pensi anche alle inequità che si verificano in città dove si moltiplicano i casi di frodi assicurative).

In realtà sul mercato troviamo già delle compagnie che propongono la soluzione della scatola nera, ma anche altre che continuano a offrire ribassi del premio in base ai chilometri che si percorrono o a chi guida l’auto. Chi prende la decisione finale sulla migliore alternativa che il mercato offre sarà sempre il cliente che continuerà a valutare quello che più si addice alla sua situazione e al suo stile di guida.

Posted under Novità, assicurazione, automobili, decreto bersani, incidenti, sicurezza stradale

Questo post è stato scritto da admin in data Settembre 11, 2013

Tags: , , ,

Veneti e pensionati in prima classe

Non è male il risultato che si evince dall’indagine di Facile.it, il comparatore online del settore assicurazioni che detiene una quota del settantacinque per cento del mercato, e che vede che gli italiani alla guida sono in media in quarta classe. Il comparatore ha preso in analisi più di un milione di preventivi per rinnovare l’assicurazione auto valutando quale sia la classe di merito di appartenenza della maggior parte dei nostri connazionali. Un’analisi specifica è stata svolta su quali nostri connazionali sia in possesso della migliore classe di merito ed è risultato, anche grazie all’età media degli automobilisti italiani che è intorno ai quaranta anni, che quasi la metà del campione, il 47 per cento per la precisione, è in prima classe Bonus – Malus; Facile.it precisa inoltre che nell’analisi sono stati tenuti in considerazione anche i preventivi di chi ha affermato di usufruire delle agevolazioni della Legge Bersani, grazie alla quale si può ereditare la classe di merito più favorevole di una persone della famiglia con cui si convive.

Facile.it con questa analisi offre un’analisi completa del mondo degli automobilisti del nostro Paese, grazie al quale di vede che, in media, gli automobilisti hanno una classe di merito superiore rispetto alle donne, gli uomini sono in quarte mentre il gentil sesso in quinta classe; differenze si riscontrano anche a livello di professione: in prima classe troviamo moltissimi pensionati, il 66%, quindi i vigili e altri membri delle Forze Armate, in terza posizione troviamo i dirigenti.

Ultimo punto che ha preso in analisi l’indagine di Facile.it è quello delle differenze regionali: in Italia il maggior numero di automobilisti in prima classe sono in Veneto, oltre il 55% del totale, seguono quindi i molisani ed in fine gli automobilisti della Valle d’Aosta.

Posted under Tariffe, assicurazione, curiosità, decreto bersani

Questo post è stato scritto da admin in data Aprile 27, 2012

Tags: , , , , , , , ,

otc allergy medicine cialis nabp pharmacy tadalista 20