Decreto Bersani 2007

ASSICURAZIONI AGENTI PLURIMANDATARI ANCHE PER IL RAMO DANNI → Le compagnie assicurative non possono stipulare con i propri agenti contrattiche prevedano clausole di distribuzione esclusiva di polizze relative al ramo danni. Si estende così a tutto il ramo danni (incendio, furto, infortuni ecc…) il divieto previsto dall’art.8 della legge 248/06 di quest’estate e che scatterà dal 2008 per le polizze Rc auto. L’obiettivo è quello di aumentare il livello di concorrenza e la possibilità di scelta da parte del consumatore. [I nuovi contratti di agenzia, successivi alla legge di conversione, dovranno essere stipulati inbase alla nuova normativa. Per i vecchi contratti, l’adeguamento dovrà comunque avvenire entro il 1° gennaio 2008]. • STOP AL VINCOLO DI DURATA DECENNALE PER POLIZZE RAMODANNI → Le compagnie di assicurazioni non potranno più offrire polizze pluriennali con il vincolo decennale di durata, come attualmente previsto dal Codice Civile. Il contraente avrà la possibilità di disdire il contratto, di anno in anno, senza costi. In sostanza il consumatore, di fronte ad eventuali condizioni più vantaggiose da parte di altre compagnie, sarà libero di chiudere il contratto prima della scadenza finale prevista originariamente e quindi scegliere liberamente. Inquesto modo il governo pone rimedio ad una anomalia tutta italiana che ha prodotto effetti negativi sulla concorrenza del settore. [Per i contratti stipulati prima dell’entrata in vigore della legge di conversione del decreto la facoltà di recesso può essere esercitata soltanto dopo il terzo anno di vigenza del contratto.] • STOP A PEGGIORAMENTO IMMOTIVATO DELLA CLASSE BONUS-MALUS RC AUTO → un consumatore che stipula un nuovo contratto Rc Auto per un ulteriore veicolo acquistato della medesima tipologia (automobile con automobile,motorino con motorino), anche di proprietà di un familiare convivente, ha diritto all’assegnazione della classe di merito risultante dall’ultimo attestato di rischio sul veicolo già assicurato.

Page 6

→ l’attestato di rischio conserva la sua validità fino a 5 anni, anche in caso di interruzione dell’uso del veicolo. → in caso di sinistro l’impresa di assicurazione non può variare in senso sfavorevole all’automobilista la classe di merito fino a quando non sarà accertata l’effettiva responsabilità. Nei casi in cui non sia possibile accertare la responsabilità principale, si prevede il computo pro quota in relazione del numero dei conducenti coinvolti nel sinistro ai fini della eventuale variazione di classe. → le compagnie di assicurazione devono comunicare tempestivamente tutti i casi di variazione peggiorativa della classe di merito degli automobilisti, in ossequio ai principi di trasparenza e di pubblicità. • CON UN CLICK METTI A CONFRONTO LE POLIZZE RC AUTO I CONSUMATORI POTRANNO AVERE INFORMAZIONI TEMPESTIVE SULLE TARIFFE PRESENTI SUL MERCATO → il Ministero dello Sviluppo economico, utilizzando i dati che saranno messi a disposizione dall’Isvap, organizzerà un servizio on line per consentire la scelta della polizza Rc auto più conveniente, a seguito della comparazione tra i prezzi di mercato offerti per il singolo profilo individuale. *

Page 7

MUTUI IMMOBILIARI • NIENTE PIU’ SPESE NOTARILI E TEMPI PIU’ RAPIDI PER LA CANCELLAZIONE DELL’IPOTECA → dopo aver pagato interamente il mutuo contratto con una banca o una società finanziaria o un ente previdenziale, il cittadino-consumatore per avere la piena disponibilità del proprio immobile non si dovrà più fare carico di adempimenti e spese (notaio e quietanza da parte dell’istituto finanziario).→ l’ipoteca si estingue automaticamente sia una volta completato il pagamento del mutuo, sia alla sua scadenza naturale, a prescindere dalla durata. → Il cittadino riceverà automaticamente e senza spese la quietanza di avvenutopagamento da parte dall’istituto finanziario il quale ne trasmetterà una copia all’Agenzia del Territorio (conservatoria dei registri immobiliari) secondomodalità fissate da un provvedimento che l’Agenzia emanerà entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione. → il conservatore procederà d’ufficio a cancellare definitivamente l’ipoteca decorsi 30 giorni dal momento in cui ha ricevuto la quietanza da partedell’istituto finanziario. → per i vecchi mutui già estinti e per i quali non sia stata ancora cancellata l’ipoteca, il cittadino può usufruire della nuova procedura richiedendo all’istituto finanziario la quietanza di avvenuto pagamento con lettera raccomandata.• NIENTE PIU’ PENALE IN CASO DI ESTINZIONE ANTICIPATA DEI MUTUI IMMOBILIARI → Non si pagano più penali in caso di estinzione anticipata di mutui contratti con istituti finanziari, banche ed enti di previdenza per acquistare o ristrutturareunità immobiliari ad uso privato o adibite allo svolgimento della propria attivitàeconomica e professionale da parte di persone fisiche. Questa misura si applica ai mutui stipulati a partire dal 2 febbraio 2007 (giorno dell’entrata in vigore del decreto legge).

Page 8

→ Per i mutui contratti prima del 2 febbraio 2007 il costo effettivo a carico del cliente, in caso di estinzione anticipata, verrà stabilito da un accordo tra l’Abi e le associazioni dei consumatori. Entro il 3 maggio (a 90 giorni dall’entrata in vigore) Associazione bancaria e consumatori dovranno, infatti, definire le regole generali di riconduzione ad equità dei contratti di mutuo in essere mediante, in particolare, la determinazione della misura massima dell’importo della penale dovuta per il caso di estinzione anticipata o parziale del mutuo. In caso di mancato accordo tra le parti, deciderà la Banca d’Italia entro i successivi 30 giorni . Gli istituti non potranno rifiutarsi di rinegoziare i mutui secondo le nuove regole contenute nell’accordo. • PORTABILITA’ DEL MUTUO → dal 2 febbraio il cliente di un istituto finanziario, di una banca o di un ente previdenziale può trasferire il mutuo contratto ad un’altra banca, anchemediante scrittura privata e senza perdere i benefici fiscali previsti per la prima casa.

Page 9

IMPRESA PIU’ FACILE IN UN GIORNO PUO’ NASCERE UNA NUOVA IMPRESA • UNA COMUNICAZIONE UNICA AL REGISTRO DELLE IMPESE SOSTITUISCE TUTTI GLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FINORA PREVISTI • VIENE RILASCIATA IN TEMPO REALE UNA RICEVUTA CHE DA’ ISTANTANEO VIA LIBERA ALLA NUOVA ATTIVITA’ → gli adempimenti amministrativi di carattere nazionale previsti per l’iscrizione al registro delle imprese, all’Inps, all’Inail e per l’ottenimento del codice fiscale e della partita Iva verranno sostituiti da una comunicazione unica. → l’interessato , a fini dell’avvio dell’attività di impresa, presenta all’Ufficio del registro delle imprese della Camera di Commercio, di norma per via telematica o su supporto informatico, la comunicazione unica per gli adempimenti necessari. Verrà così rilasciata subito una ricevuta che costituisce titolo per l’immediatoavvio dell’attività imprenditoriale, se sussistono i requisiti di legge. Le amministrazioni pubbliche, naturalmente, continueranno a svolgere i controlli sulle attività di impresa, ma questo non potrà più ostacolare l’avvio delle attività. → la stessa procedura si applica anche in caso di modifiche o cessazione dell’attività d’impresa; → la Camera di commercio assicurerà, gratuitamente, d’intesa con leassociazioni imprenditoriali, l’aiuto necessario ai privati, considerato che, per garantire la rapidità, le comunicazioni e gli atti amministrativi dovranno svolgersi per in via telematica. → entro 45 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione deldecreto, i ministeri interessati definiranno la modulistica necessaria per la compilazione e la trasmissione delle domande. In ogni caso gli aspiranti

Page 10

imprenditori potranno utilizzare, per i sei mesi successivi a questo provvedimento, la procedura tradizionale. * IMPRESE E MESTIERI PIÙ LIBERI PIU’ SEMPLICE ACCEDERE ALL’ATTIVITA’ DI PARRUCCHIERE, ESTETISTA, PULIZIA, DISINFEZIONE, FACCHINAGGIO, AUTOSCUOLAPER ACCEDERE E’ SUFFICIENTE FARE LA DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA’ SALTANO I CRITERI DELLA DISTANZA MINIMA E I PARAMETRI NUMERICI PRESTABILITI → nel caso di parrucchieri, barbieri ed estetiste restano necessari i requisiti di qualificazione professionale, ove prescritti, e la conformità dei locali ai requisiti urbanistici ed igienico sanitari. Inoltre, barbieri, parrucchieri ed estetiste sono liberi di decidere se e quando stare chiusi durante la settimana. → nel caso di imprese di pulizia, disinfezione, restano necessari, ove già richiesti, i requisiti di onorabilità e capacità economico finanziaria. Questeattività possono essere esercitate solo nel pieno rispetto della normativa vigente in materia di tutela del lavoro e della salute, oltre che della normativa in materia di smaltimento dei rifiuti speciali o tossici. Per le imprese di facchinaggio non sono più necessari i requisiti di capacità economico finanziaria. → nel caso delle autoscuole resta obbligatorio il rispetto dei requisiti morali eprofessionali, della capacità finanziaria e degli standard tecnico-organizzativi già previsti. Le autoscuole, inoltre, continueranno ad essere soggette alla vigilanza amministrativa e tecnica da parte delle province . Vengono, inoltre, inasprite le

Page 11

sanzioni amministrative per chi apre l’attività senza avere i requisiti prescritti.Nel caso, poi, di una ulteriore sede di autoscuole già attività sarà necessarionominare un responsabile didattico in possesso dell’idoneità tecnica. Entro il 3 maggio 2007 Regioni, province e comuni, ognuno per la propriamateria di competenza, dovranno adeguare i propri regolamenti. GUIDE E ACCOMPAGNATORI TURISTICIPER ESERCITARE QUESTA ATTIVITA’ BASTA ATTESTARE I REQUISITI PROFESSIONALI PREVISTI DALLE LEGGI REGIONALI: SALTA LA NECESSITA’ DI AUTORIZZAZIONI PREVENTIVE SPARISCE L’OBBLIGO DI ESSERE RESIDENTI STOP AD UN EVENTUALE TETTO NUMERICO → le attività di guida turistica e accompagnatore turistico non possono essere subordinate all’obbligo di autorizzazioni preventive, al rispetto di parametri numerici e a requisiti di residenza. Per fare la guida turistica o l’accompagnatore bisogna avere i requisiti professionali previsti dalle leggi regionali.→ ai soggetti titolari di laurea in lettere con indirizzo in storia dell’arte o inarcheologia o titolo equipollente l’esercizio dell’attività di guida turistica non può essere negato, nè subordinato allo svolgimento dell’esame abilitante, salvodimostrare la conoscenza linguistica e del territorio. → ai soggetti titolari di laurea o diploma universitario in materia turistica o titolo equipollente non può essere negato l’esercizio di attività di accompagnatore turistico, salvo .dimostrare conoscenze specifiche qualora non siano state oggetto di un corso specifico. → entro il 3 maggio Regioni ed Enti locali dovranno adeguare le disposizioni normative e regolamentari ai nuovi principi.

Page 12

GAS NATURALE PRIMO PASSO VERSO LA BORSA DEL GAS • PICCOLI E MEDIE IMPRESE POTRANNO COMPRARE GAS ON LINE SENZA DOVER ANDARE OLTRE FRONTIERA • CRESCONO GLI SCAMBI SUL MERCATO NAZIONALE DEL GAS NATURALE → La quota di gas naturale prodotto dai giacimenti italiani che oggi le imprese produttrici versano allo Stato in controvalore (royalties) dovranno essere cedute dai titolari delle concessioni ad altri operatori presso l’esistente mercato regolamentato già funzionante sul sito web di Snam Rete Gas. Un mercatovirtuale on line cui possono accedere le imprese che hanno contratti di trasportodi gas in Italia o con chi lo produce in Italia o con chi lo importa dall’estero. La misura renderà più facile ai piccoli e medi operatori trovare gas da comprare, visto che importarlo dall’estero richiede una forza contrattuale idonea a poter stipulare contratti con i fornitori esteri e a trovare la necessaria capacità di trasporto attraverso i gasdotti dall’estero. → gli introiti del gas ceduto sul mercato virtuale dai titolari delle concessioni andranno allo Stato. → Tutti i nuovi importatori di gas in Italia dovranno offrire al mercato on lineuna percentuale del volume importato. Le nuove autorizzazioni all’importazione di gas rilasciate dal ministero prevedranno tale obbligo. → la percentuale di gas da cedere al mercato virtuale sarà stabilita con decreto del ministro dello Sviluppo economico, sentita l’Autorità per l’energia elettrica e il gas. Il decreto dovrà essere emanato entro 3 maggio. *

Page 13

AFFIDAMENTI CONTRATTUALI QUANDO LA REVOCA DI ATTI AMMINISTRATIVI CHE INCIDONO SU RAPPORTI CONTRATTUALI CON PRIVATI E’ MOTIVATA DAL CONTRASTO DEL PRECEDENTE PROVVEDIMENTO CON L’ INTERESSE PUBBLICO, IL SOGGETTO PRIVATO HA DIRITTO AD ESSERE INDENNIZZATO PER LE SPESE GIA’ EFFETTUATE, MA NON HA DIRITTO ANCHE AL RISARCIMENTO DEL MANCATO GUADAGNO CHE L’INTERESSATO SPERAVA DI OTTENERE DALL’ESECUZIONE DEL CONTRATTO CHI È STATO DANNEGGIATO NON PUÒ CHIEDERE UN RISARCIMENTO PER LA PARTE IN CUI LUI STESSO HA CONCORSO AL DANNO INFLUENZANDO LA SCELTA SBAGLIATA DELL’AMMINISTRAZIONE. → con questa norma si prevede, a carico delle Amministrazioni, l’obbligo di corresponsione di un indennizzo nei casi di revoca di atti amministrativi che incide su precedenti rapporti negoziali con i privati. Si estende, quindi, anche all’attività privatistica, la previsione che contempla, in termini più generici, l’ipotesi di “revoca che comporta pregiudizi in danno di soggetti direttamenteinteressati”. Poiché la revoca consegue ad una diversa valutazione o ad una sopravvenienza che impongono una rivisitazione dell’interesse pubblico come inizialmente apprezzato, è opportuno che il potere di revocare il provvedimento sia condizionato all’obbligo di indennizzare il privato, che per effetto della revocaabbia subito un pregiudizio, anche nei casi - sempre più frequenti - di attività negoziale dell’amministrazione. Versandosi in una ipotesi di responsabilità daatto lecito, motivata in ragione dell’interesse pubblico, non si tratta di un risarcimento del danno ma di indennizzo, in relazione al quale sono dettateanche le modalità per la quantificazione riferita, sotto il profilo quantitativo, alsolo danno emergente, con esclusione dei vantaggi futuri venuti meno e nel rispetto dei principi civilistici della valutazione del concorso e dell’attività svolta dall’interessato (art. 1226 c.c.). → l’amministrazione non è comunque tenuta, secondo gli stessi principi del codice civile applicabile ai privati, a risarcire il danno per la parte in cui la sua scelta sbagliata è stata influenzata da comportamenti dello stesso danneggiato o di altri, ad esempio mediante la presentazione di studi di fattibilità o di preventivi di lavori rivelatisi non rispondenti al vero.

Page 14

* TAV • SI TORNA ALLE GARE PUBBLICHE EUROPEE CHE CONSENTIRANNO DI SCEGLIERE L’OFFFERTA ECONOMICA PIU’ CONVENIENTE E DI TUTELARE L’INTERESSE PUBBLICO • ENORME RISPARMIO PER LO STATO: FINORA LA REALIZZAZIONE DELLA LINEA DELL’ALTA VELOCITÀ È COSTATA CIRCA TRE VOLTE DI PIÙ DEI PREVENTIVI • VELOCIZZAZIONE DEI TEMPI: FINORA LA REALIZZAZIONE DELL’ALTA VELOCITÀ È DURATA MOLTO DI PIÙ DEI TEMPI PREVENTIVATI → vengono revocate le concessioni rilasciate a TAV spa dall’Ente Ferrovie dello Stato ed a RFI spa per la realizzazione di talune tratte ferroviarie (Milano-Verona; Verona-Padova; Milano-Genova; terzo Valico dei Giovi). Gli effetti dellerevoche si estendono a tutti i connessi rapporti convenzionali stipulati con i general contractors tra il 1991 e il 1992. Sarà così possibile riaprire la realizzazione delle opere in esame al mercato e alla libera concorrenza, mediante l’espletamento di gare pubbliche europee, che consentiranno la scelta dell’offerta economica più conveniente, oltre che la tutela dell’interesse pubblicomediante un’adeguata vigilanza sul rispetto dei tempi e degli oneri finanziari pattuiti. → questa norma prende le mosse dalla riforma del 2000 che revocò le concessioni dallo Stato a Ferrovie dello Stato e da Ferrovie a TAV, che avevano a loro volta consentito di affidare a pochi grandi gruppi di imprese, i cosiddetti ‘general contractors’, la completa realizzazione delle tratte ferroviarie per l’altavelocità. Dopo la riforma del 2000, il governo della successiva legislatura ripristinò il sistema del general contractor. Così, segnando una anomalia tutta italiana, l’alta velocità ferroviaria è stata finora realizzata con affidamenti senza gara. Con l’attuale norma, invece, si revocano le concessioni determinando così la revoca dei contratti che derivavano dalle precedenti concessioni e si torna alle gare pubbliche europee per le ormai poche tratte ancora libere (vale a direancora non realizzate).

→ le imprese che hanno iniziato lavori di progettazione saranno risarciti dalloStato sulla base del rimborso, in deroga alla normativa vigente, dei soli oneri per attività progettuali preliminari effettivamente sostenuti e adeguatamente documentati. → il governo presenterà al Parlamento una relazione annuale, entro il termine del 30 giugno, sugli aspetti economico-finanziari della norma. ROTTAMAZIONE• BONUS DI 80 EURO SUL COSTO DI DEMOLIZIONE DEI VEICOLI • TESSERA GRATIS PER UN ANNO PER IL TRASPORTO PUBBLICOANCHE PER CHI LAVORA FUORI SEDE → chi, nel 2007, demolisce autoveicoli per il trasporto di persone e cose, immatricolati come ‘euro 0’ o ‘euro 1’ ha diritto ad un contributo pari al costo di demolizione , entro il limite massimo di 80 euro per veicolo. → chi rottama la propria auto e non la sostituisce con una nuova può chiedere il rimborso dell’abbonamento al trasporto pubblico locale per un anno sia nel luogo in cui ha la residenza e il domicilio, sia nel luogo in cui lavora.

Page 16

SCUOLARILANCIO DELL’ISTRUZIONE TECNICO-PROFESSIONALE PER FAVORIRE CRESCITA E SVILUPPO PIU’ AUTONOMIA E PIU’ OPPORTUNITA’ FORMATIVE PER UNA SCUOLA PIU’ EUROPEA • RITORNANO ‘IN SERIE A’ GLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI NELL’AMBITO DEL SISTEMA DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE, PARI DIGNITA’ RISPETTO AI LICEI vengono mantenuti (contrariamente a quanto stava per accadere con la riforma Moratti) gli attuali istituti tecnici e professionali, nell’ambito del sistema dell’istruzione secondaria, finalizzati al conseguimento di diplomi di istruzione secondaria. Vengono, quindi, soppressi i licei tecnologici ed economici previstidalla legge Moratti e mai attuati. • UNA RIVOLUZIONE IN ARRIVO: ORA E’ POSSIBILE ISTITUIRE DEI POLI TECNICO PROFESSIONALI, ALMENO UNO PER PROVINCIA Ora è possibile istituire, in ciascuna provincia, i “Poli tecnico-professionali”, organismi di natura consortile formati da tre componenti: 1. istituti tecnici e professionali; 2. strutture formative accreditate per il conseguimento di qualifiche e diplomi professionali spendibili a livello nazionale ed europeo; 3. Istituti tecnici superiori che saranno istituiti come trasformazione degli attuali Ifts (cioè percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore post secondaria non universitaria). I Poli sono finalizzati a promuovere in modo stabile e organico la diffusione della cultura scientifica e tecnica e le misure per lo sviluppo economico e produttivodel Paese. Nota bene: ogni anno le imprese cercano, senza trovarli, circa

Page 17

500.000 giovani che abbiano qualifiche e diplomi tecnico professionali e 80.000 super periti. • ANCHE ALLE SCUOLE STATALI E ALLE PARITARIE NON PROFIT LE AGEVOLAZIONI DELLE FONDAZIONI a chi fa donazioni in favore delle istituzioni scolastiche, finalizzate all’innovazionetecnologica, all’edilizia scolastica e all’ampliamento dell’offerta formativa vengono riconosciute le stesse agevolazioni fiscali previste per le donazioni fattealle Fondazioni. Gli sgravi sono previsti per tutte le donazioni effettuate da persone fisiche, imprese e mondo dell’associazionismo no profit (Onlus). (Per questo si prevede anche un’apposita integrazione delle disposizioni contenute nel testo unico delle imposte sui redditi). Questo sarà possibile già nella dichiarazione dei redditi 2008, con riferimento all’anno fiscale 2007. Leagevolazioni fiscali si applicano anche alle donazioni effettuate a favore di scuole paritarie, senza scopo di lucro, che fanno parte del sistema nazionale di istruzione. I dati sulle donazioni, e in particolare quelli che riguardano lepersone fisiche o giuridiche che le hanno effettuate, sono dati personali agli effetti del codice in materia di protezione dei dati personali e come tali vannotrattati. • RIORDINO E POTENZIAMENTO DEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI - vengono riordinati e potenziati gli istituti tecnici e professionali, quali istituzioni appartenenti al sistema dell’istruzione secondaria superiore, strutturati organicamente sul territorio attraverso collegamenti stabili con il mondo del lavoro, con la formazione professionale, con l’università e la ricerca. - si adottano appositi regolamenti ministeriali per snellire il numero degli attuali indirizzi di studio degli istituti tecnici e professionali, per avere un monte ore dilezioni sostenibile dagli allievi, per prevedere più spazio per le attività di laboratorio, di tirocinio e di stage e per orientare meglio alle scelte universitarie al sistema dell’istruzione e formazione tecnica superiore.

Page 18

• RACCORDO TRA ISTRUZIONE TECNICO PROFESSIONALE E ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE vengono predisposte linee guida, definite con il sistema delle Regioni e delleAutonomie Locali, per realizzare raccordi organici tra i percorsi dell’istruzione tecnico-professionale e i percorsi dell’istruzione e formazione professionaleeffettuati da idonee strutture formative e per il conseguimento di qualifiche e diplomi professionali di competenza delle Regioni che rispondano ai livelli essenziali delle prestazioni e siano spendibili su tutto il territorio nazionale.• RINVIO DI UN ALTRO ANNO PER LA RIFORMA MORATTI viene rinviato di un altro anno l’avvio del secondo ciclo di istruzione previsto dalla riforma Moratti.

Nella categoria decreto bersani

Questo post è stato scritto da admin in data Agosto 28, 2008

Tags:

Commenti sono chiusi.

Altri articoli

Articolo successivo: OBBLIGO DELL’ASSICURAZIONE
otc allergy medicine cialis nabp pharmacy tadalista 20